Coltivare l’immaginazione

L’immaginazione è più importante della conoscenza. La conoscenza è limitata. L’immaginazione cinge il mondo intero”.

Questo disse Albert Einstein nel 1929 in un’intervista (p. 117, verso la fine della prima colonna).

Coltivare l’immaginazione è importante. L’immaginazione permette di andare oltre i limiti dello spazio e del tempo. Favorisce lo sviluppo cognitivo e sociale. Immaginare significa anche provare modi nuovi per fare le cose e quindi sviluppare capacità di problem-solving creativo.

In un film poco noto, The Magic of Belle Isle, un sempre grande Morgan Freeman è un ex-scrittore di romanzi western. Dalla morte della moglie, però, ha rinunciato alla scrittura e si è dato alla bottiglia.

La figlia della sua vicina di casa gli chiede di insegnarle a scrivere. Lui accetta e le chiede di guardare al fondo della strada e di descrivere quello che NON vede. La ragazzina fa fatica, ma dopo qualche tentativo l’esperimento riesce. Ce la fa e comincia a raccontare una storia.

È una prova che si può fare anche in aula. Abbiamo preparato una risorsa, Che cosa non vedi?, che trovate nella sezione RISORSE GRATUITE SCARICABILI, con un’immagine in bianco e nero. Da distribuire per poi chiedere agli studenti di descrivere (con un testo o un disegno) che cosa NON ci vedono. Può essere l’incipit di una storia (da scrivere o raccontare).

Se volete (e potete) proiettate un’immagine. Potete scegliere tra quelle proposte qui sotto oppure trovarne una voi.

Buon lavoro!

country road photo

bay photo

desert photo

forest photo

Questo contenuto è protetto da copyright