Vite biseste

2 febbraio 2024

Il 2024 è un anno speciale. Per i cinesi è un anno del drago.

Il colore PANTONE dell’anno è il “pesca delicato” (PANTONE 13-1023): lo abbiamo scelto anche noi per lo sfondo della nostra immagine di copertina

Ci saranno le Olimpiadi a Parigi, dal 26 luglio all’11 agosto.

Ci saranno elezioni politiche in tutto il mondo: più di 50 Paesi, con una popolazione complessiva di più di 4 miliardi!

Nella tarda primavera, anche la più popolosa democrazia del mondo, l’India, andrà a votare per le elezioni parlamentari.

Anche in Europa saremo impegnati nelle elezioni: a giugno (in Italia sabato 8 e domenica 9) voteremo per il rinnovo (???) del Parlamento europeo.

E verso la fine dell’anno, il 5 novembre, gli Stati Uniti eleggeranno il (o la) presidente.

Ma è anche speciale perché è un anno bisestile.

Un anno bisestile ha 366 giorni, anziché 365.

La Terra impiega un po’ più di 365 giorni a girare intorno al Sole. Più o meno 6 ore in più. Quindi, nel nostro calendario, quello gregoriano (che è solare ed è stato introdotto nel 1582), ogni quattro anni si aggiunge un giorno per aggiustare il tiro. Il giorno è aggiunto alla fine del mese più corto, febbraio.

Ma non è sempre stato così: il giorno in più risale all’epoca romana, era già presente nel calendario giuliano (da Giulio Cesare, introdotto nel 46 A.C). Veniva però aggiunto al 24 febbraio, che era il sesto giorno prima delle Calende di marzo. Il giorno in più era quindi chiamato “bisextus“, cioè “due volte sesto”.

E oggi c’è chi propone di spostare il giorno in più dalla fine di febbraio alla fine di giugno, per godere di un giorno in più quando la stagione offre un clima più favorevole (almeno nel nostro emisfero) e il giorno dura di più. Ecco una petizione appena lanciata e indirizzata al governo britannico.

E c’è pure chi propone di abolire tout court gli anni bisestili, considerati funesti, suggerendo anche fantascientifici mezzi per correggere la durata della rotazione terrestre intorno al sole. Lo fa scrivendo, con rara eleganza, una petizione al Parlamento europeo. Eccola qui.

E chi, invece, nel 2016 indirizzava una petizione al Ministro per le politiche sociali, chiedendo di rendere il 29 febbraio giorno festivo in Italia.

In inglese, il giorno in più si chiama leap day (ecco come si pronuncia).

Visto che “leap” significa “saltare”, la ragione si trova nel fatto che, normalmente, tutti i giorni dell’anno cadono nel giorno della settimana successivo rispetto all’anno prima. Ad esempio, il primo gennaio del 2024 è caduto di lunedì, mentre nel 2023 cadeva di domenica.

Se si aggiunge un giorno alla fine di febbraio, tutti i giorni a partire da quello, cadranno invece due giorni della settimana dopo: quello è il “giorno del salto“.

Di conseguenza, l’anno bisestile si chiama in inglese “leap year” (qui come si pronuncia). Ne parliamo anche nel corso di inglese per bambini.

Quando festeggia il compleanno un leaper , cioè chi è nato il 29 febbraio (le probabilità sono una su 1.461) negli anni non bisestili?

Non c’è una regola fissa: qualcuno lo festeggia il 28 febbraio, altri il primo di marzo. Ci può anche essere chi fa il furbo: fa finta di niente e così, quando sono passati 40 anni, dice di festeggiare solo il suo decimo compleanno!

Il problema però non è quando dare la festa di compleanno, ma la burocrazia. Può accadere che il 29 febbraio non compaia nei menu a tendina di qualche applicazione on-line e si sia quindi costretti a barare sulla data di nascita. Con quali conseguenze?

Per quando riguarda i documenti d’identità, che scadono il giorno del compleanno, per i nati il 29 febbraio scadono la prima volta dopo 14 anni invece di 10. Le volte successive dopo 12 anziché 10.

Si calcola che oggi, sul pianeta, vivano circa 5 milioni di persone nate il 29 di febbraio.

Tra queste, l’attuale Primo ministro spagnolo, Pedro Sánchez, nato il 29 febbraio 1972.

Un famosissimo leaper del passato è stato il compositore Gioacchino Rossini: la sua città natale, Pesaro, lo festeggerà con tutti gli onori in questo anno bisestile. Scopri in che modo qui.

Il 29 febbraio è anche la data di nascita di Superman. Una pura convenzione, visto che è nato sul pianeta Krypton sul quale difficilmente si usa il calendario gregoriano. Forse, però, sembra sempre giovane perché festeggia il compleanno solo ogni 4 anni?


Ti può interessare?

February

Guarda, ascolta e gioca nel mese di Febbraio: il capodanno cinese, Valentine’s Day, gli amici e la famiglia.
Leggi di più
Questo contenuto è protetto da copyright